DL 25 marzo 2020 n. 19 Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19

Nell’ambito delle disposizioni emergenziali che si stanno susseguendo in questi giorni, hanno suscitando dubbi e interrogativi l’emanazione del DPCM 22 marzo 2020 e le ordinanze regionali di Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Friuli-Venezia Giulia e Veneto, emanate sia prima che dopo il DPCM predetto.

Con il Decreto Legge 25 marzo 2020, n. 19, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 79 del 25 marzo 2020, e vigente dal 26 marzo, il Governo ha fornito una soluzione al contrasto normativo venutosi a creare.

In estrema sintesi, la competenza delle misure anticontagio restrittive è dello Stato, e le Regioni, in relazione a situazioni sopravvenute di aggravamento del rischio sanitario, possono introdurre misure ulteriormente restrittive, nell’ambito delle attività di loro competenza e senza incisione delle attività produttive e di rilevanza strategica nazionale.

I Sindaci, a loro volta, non possono adottare ordinanze contingibili e urgenti dirette a fronteggiare l’emergenza in contrasto con le misure statali.

Con il Decreto Legge, infine, sono fatti salvi gli effetti prodotti dalle ordinanze regionali già adottate (art. 2 comma 3) che continuano ad applicarsi nel limite di ulteriori dieci giorni.

Decreto del Ministero dello sviluppo Economico 25 marzo 2020

Il decreto 25 marzo 2020 introduce alcune modifiche all’Allegato 1 del DPCM 22 marzo 2020

ti piace l'articolo? condividilo!

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest

lascia un commento