SOSPENSIONE DALL’ALBO PER I PROFESSIONISTI CHE NON COMUNICANO LA PEC

Il D.L. Semplificazioni del 16 luglio 2020 n. 76, efficace a partire dal 17 luglio 2020, prevede all’art. 37, per i professionisti iscritti all’Albo, l’obbligo del domicilio digitale cioè un indirizzo elettronico eletto presso un servizio di posta elettronica certificata e la sospensione a tempo indeterminato per coloro che non lo comunicano all’Ordine di appartenenza.

Si allega  la circolare del CNAPPC n.94 del 29/07/2020

Tutti gli iscritti sono invitati a  verificare se è  presente il proprio indirizzo PEC nell’Indice Nazionale degli Indirizzi PEC

INIPEC
Se l’indirizzo è presente non si dovrà comunicare nulla.

Se l’indirizzo PEC non è presente l’iscritto deve inviare comunicazione

L’Ordine APPC di Rovigo ha attivato la procedura di diffida

È quindi opportuno che fin da ora tutti gli architetti che NON hanno ancora comunicato il proprio domicilio digitale(PEC) , diverso dalla casella eventualmente attivata dall’Ordine, vi provvedano immediatamente, trasmettendo  ed evitando così di essere sottoposti a successiva diffida e sospensione.

Si ricorda infine che l’Ordine degli Architetti PPC di Rovigo fornisce gratuitamente agli iscritti, a seguito di convenzione con ARUBAPEC, l’attivazione di una casella PEC , che viene considerata la casella professionale ufficiale, chi l’avesse sostituita con una PEC personale è tenuto a comunicarlo all’Ordine chiedendo contestualmete la chiusura della casella pagata dall’Ordine che verrà rimossa da INI PEC

ti piace l'articolo? condividilo!

Condividi su facebook
Share on Facebook
Condividi su twitter
Share on Twitter
Condividi su linkedin
Share on Linkdin
Condividi su pinterest
Share on Pinterest

lascia un commento